Paesi turistici \ Austria \ Storia del paese dell'Austria brevemente: dai Celti alla Repubblica

La storia del paese dell'Austria è breve: dai Celti alla Repubblica


Prodotti per la tua salute su Aliexpress

In tempi molto antichi, l'Austria era un territorio deserto, poiché il clima era più freddo. In un periodo in cui nacquero civiltà in Egitto, Cina e Mesopotamia, l'Austria si trovava nella neve.

Le tribù celtiche abitavano queste terre, ma non erano molto numerose, poiché era difficile procurarsi il cibo in condizioni difficili. Ma non dovrebbero essere percepiti come persone completamente selvagge dell'età della pietra, erano piuttosto civilizzati, erano in grado di creare utensili in bronzo e ferro, piatti di ceramica e si dedicavano all'agricoltura.

La storia civilizzata di queste terre inizia con la conquista del territorio dell'Austria moderna da parte dei Romani nel 15 aC (vedi l'articolo sulla storia della Repubblica romana ). La provincia, che consisteva nelle terre austriache, era chiamata Noricum (Noricum).

Nonostante il terreno povero, la provincia era ricca, in quanto si rivelò molto ricca di risorse minerarie. Qui sono stati estratti sale, oro e ferro. Era molto importante per i romani, ma per molto tempo non riuscirono a controllarla completamente. Per diversi secoli, il Norico conservò l'autonomia e la maggior parte delle questioni relative alla governance furono decise dai leader locali. I Celti adottarono gradualmente la cultura dei Romani e i due popoli si unirono.

I Romani fecero molto per il territorio dell'Austria moderna, costruirono stazioni commerciali e insediamenti militari qui, per poi crescere nelle città. Ma la provincia non ha mai avuto un ruolo importante ed è stata percepita dai Romani come una colonia di materie prime.

Se ricordiamo i riferimenti alle terre austriache nella cultura di quel tempo, possiamo solo ricordare St. Florian, un ufficiale romano che si convertì segretamente al cristianesimo, e fu brutalmente assassinato per questo. Ciò è accaduto durante le persecuzioni dei cristiani intorno al 250 d.C. Ora è uno dei santi più venerati in Austria.

È il principale patrono dei pompieri e spesso viene raffigurato mentre versa acqua sul fuoco.

Sulla sinistra si vede l'immagine più famosa del pennello sacro del famoso pittore italiano Francesco del Cossa.

Forse San Floriano è il principale simbolo dell'Austria nel periodo romano della sua storia e un santo molto venerato per gli austriaci.

Nel IV secolo iniziò un evento che cambiò per sempre l'Europa. Si chiamava "Grande Migrazione" e durò per più di 300 anni. Tutte le tribù d'Europa cominciarono a migrare da nord a sud e da est a ovest.

L'Impero Romano d'Occidente non poteva sopportarlo, e fu distrutto, e in Austria ci furono dei cambiamenti. La popolazione mista di queste terre fu soppiantata dalle tribù bavaresi e slave, e gli slavi furono in sottomissione vassallo agli Avari.

I successivi oltre 300 anni possono essere considerati oscuri nella storia dell'Austria, nazioni diverse lo hanno diviso tra loro. Diverse parti del paese sono state conquistate da alcuni stati o da altri, non le elenceremo nemmeno tutte. Notiamo solo che l'intero territorio dell'Austria moderna è stato in grado di conquistare Carlo Magno, il re dei Franchi (nella foto sopra). Durante questo periodo, l'intera popolazione si convertì al cristianesimo.

L'Impero dei Franchi, fondato da Carlo Magno, fu trasformato nel Sacro Romano Impero e l'Austria ne divenne parte integrante. La corona dell'impero è ancora conservata nel tesoro di Vienna . Va notato che questo impero ha una relazione molto vaga con Roma. Certo, gli imperatori furono incoronati dal papa stesso a Roma, e parte dell'Italia apparteneva all'impero, ma in realtà era uno stato tedesco.

Nel 1273, un evento fatidico accadde nella storia dell'Austria, gli Asburgo presero la "grande scena politica". È stato quest'anno che Rudolf I (nella foto a destra) del clan degli Asburgo è diventato il re di Germania.

Rudolf I era un monarca molto attivo, sconfisse l'esercito ceco e annesse tutte le loro terre a ovest della Repubblica Ceca stessa. Ora l'intero territorio dell'Austria moderna divenne parte del Sacro Romano Impero. Gli Asburgo possedevano molte terre, ma furono i territori austriaci a costituire la principale terra ereditaria.

Nel tempo, l'Austria divenne la capitale del Sacro Romano Impero e il centro di tutte le terre tedesche, e nel 1438 l'Asburgo Albrecht V divenne imperatore e acquisì un diritto a pieno titolo di governare l'intera nazione tedesca.

È in questo momento che gli austriaci incontrano un forte nemico. I turchi in quel periodo formarono l'impero ottomano e intrapresero un'attiva guerra di conquista. Catturarono quasi l'intera penisola balcanica, e solo l'Austria si mise sulla loro strada. Oltre agli austriaci, i Turchi furono resistiti dai Cavalieri Ospitalieri nella cittadella sull'isola di Rodi , ma già nel 1532 cadde la fortezza.

Le guerre con i turchi continuarono per altri 300 anni e furono combattute con un successo variabile, l'esercito turco si fermò anche diverse volte vicino a Vienna, ma ogni volta fu respinto. Gli Asburgo, nel frattempo, divennero uno dei monarchi più influenti d'Europa, sotto il loro dominio Spagna, Paesi Bassi, e parte dell'Italia passò. Certo, la Spagna non faceva parte dell'Austria, solo per qualche tempo avevano lo stesso re.

Nelle guerre in corso con l'Impero Ottomano, la Prussia e la Francia, gli Austriaci condussero la prossima era della loro storia. Nel 1806, uno degli Asburgo, Francesco II, rinunciò al titolo di imperatore e il Sacro Romano Impero era una cosa del passato. Lo stesso Francesco II si dichiarò imperatore d'Austria. Anche la corona dell'Impero austriaco è custodita nel tesoro di Vienna .

Napoleone Bonaparte nel 1799 si autoproclamò imperatore di Francia e gli austriaci all'inizio furono i suoi implacabili nemici.

Nel 1805 ebbe luogo la famosa battaglia di Austerlitz, chiamata anche "Battaglia dei tre imperatori". L'esercito alleato di Austria e Russia subì una schiacciante sconfitta dai francesi. Gli imperatori Francesco II e Alessandro I fuggirono dal campo di battaglia, il feldmaresciallo Kutuzov fu ferito.

Tuttavia, Mikhail Illarionovich aveva ancora la possibilità di riabilitarsi quando i generali austriaci non glielo indicarono, e la vendetta fu presa a Borodino.

L'Austria fu costretta a fare pace con Napoleone con la perdita di un gran numero di territori. Più tardi, nel 1811, fu conclusa l'alleanza militare franco-austriaca e l'Austria entrò ufficialmente in guerra con la Russia dalla parte di Napoleone.

Gli austriaci nella guerra patriottica del 1812 parteciparono a un corpo di 30.000 uomini sotto il comando del generale Schwarzenberg. Ha dimostrato di essere un maestro dell'imitazione di attività turbolente.

Dopo la sconfitta di Napoleone in Russia nel 1812, le sue sconfitte continuarono. Nel 1814 perse tutti i territori tranne la Francia, e l'esercito combinato prese Parigi, e Bonaparte andò in esilio all'Isola d'Elba.

Fu a Vienna che si tenne il congresso dei rappresentanti dei paesi europei, dove furono discusse le nuove frontiere nel continente. Questa collezione passò alla storia come il "Congresso di Vienna" e, secondo i suoi risultati, l'Austria restituì tutta la terra perduta. L'impero austriaco divenne di nuovo grande e forte.

Ci siamo lasciati trasportare dalle guerre e abbiamo dimenticato un evento importante accaduto nel gennaio 1756. Wolfgang Amadeus Mozart è nato nella città di Salisburgo. Questo è il simbolo dell'Austria, che è raffigurato su una moneta nazionale di 1 euro , e i dolci e il liquore del suo nome sono i doni più popolari del paese alpino .

Uno dei più brillanti compositori e interpreti del suo tempo visse in Austria, prima a Salisburgo e poi a Vienna. Un grande musicista all'età di 36 anni morì per una malattia, e tutte le leggende sull'avvelenamento del suo Salieri non hanno prove.

Il prossimo evento storico ebbe luogo nel 1848, quando iniziò la vera rivoluzione borghese. L'impero austriaco non era omogeneo, molte aree avevano ampie autonomie, parti dell'impero avevano cominciato ad adottare le loro costituzioni e il paese era vicino al collasso.

La situazione fu salvata dall'imperatore Francesco Giuseppe I, che con l'aiuto della Russia soppresse le insurrezioni in Ungheria, e, usando abili mosse politiche, trasformò l'impero austriaco in uno stato centralizzato. L'impero austro-ungarico era molto particolare, l'imperatore era l'unico sovrano, ma entrambe le parti dell'impero avevano i loro parlamenti e persino i loro bilanci. L'impero era un record assoluto per il numero di funzionari, il che portò al malcontento della popolazione.

Kaiser Franz, è l'imperatore Francesco Giuseppe I era forse il più famoso sovrano d'Austria. Il suo regno durò fino a 68 anni. Divenne il primo imperatore austro-ungarico. Il secondo e ultimo era il suo pronipote Charles I.

Sfortunatamente, questo periodo storico non può essere definito un successo, la guerra con la Prussia fu persa nel 1866 e l'Austria alla fine perse la speranza per lo status di capo dei popoli tedeschi.

La città di Vienna in questo momento, al contrario, stava vivendo un'alba culturale. Fu durante questo periodo che apparvero gli edifici più interessanti: il nuovo municipio , la chiesa votiva , l'edificio dell'opera e l'università.

Nel 1914, nella città di Sarajevo in Bosnia, uno studente serbo, Danilo Princip, sparò dalla pistola l'erede al trono austriaco, Francesco Ferdinando. L'Austria-Ungheria dichiarò guerra alla Serbia e iniziò la prima guerra mondiale. I popoli dell'impero non hanno sperimentato la gioia della guerra. Cechi, ungheresi e croati non volevano combattere e morire per l'Austria e si arresero volontariamente. Questa situazione è particolarmente interessante nel romanzo Le avventure del buon soldato Švejk di Yaroslav Hasek.

Come conseguenza della grande guerra (cioè la prima guerra mondiale fu chiamata prima dell'inizio della seconda guerra mondiale), l'impero austro-ungarico cessò di esistere, lo stesso Kaiser Franz morì nel 1916, non vide la morte del suo impero.

Nel 1919, si formò la Repubblica austriaca, in cui la lotta per il potere continuò fino al 1938, quando le truppe tedesche entrarono a Vienna, e il paese divenne parte del Terzo Reich. Questo processo fu chiamato Anschluss. Un memoriale alle vittime del fascismo a Vienna su Helmut Zilk Square ricorda ora questi tempi "oscuri".

A questo punto, un altro famoso scienziato austriaco, Sigmund Freud, padre della psicoanalisi, visse e lavorò a Vienna. Probabilmente, non ha bisogno di essere rappresentato, pensiamo che tu lo conosca.

Nel 1938 dovette lasciare l'Austria, sebbene fosse già malato, aveva 83 anni. Un anno dopo l'immigrazione, è morto.

Freud riuscì a lasciare il paese per molto, subito dopo l'Anschluss, lasciando il paese limitato agli ebrei. Anche la Chiesa cattolica fu sottoposta a una persecuzione attiva da parte dei nazisti, ma allo stesso tempo l'entrata dell'Austria nel Terzo Reich fu approvata dalla maggioranza dei cittadini del paese.

Un'altra famosa vittima austriaca della repressione sarebbe stata l' architetto Fredrik Hundertwasser , che all'epoca era ancora un adolescente.

L'Austria durante tutta la guerra lavorò a beneficio della Germania di Hitler, i suoi cittadini servirono nell'esercito tedesco e l'industria produsse carri armati, fucili e munizioni per l'esercito. Certo, gli austriaci non ci hanno provato molto, ma hanno lavorato fino alla fine della guerra.

La guerra finì per il paese nell'aprile del 1945, quando Vienna fu presa dalle truppe sovietiche. Fino al 1955, le forze alleate erano ancora sul territorio austriaco e il 15 maggio fu proclamata la Dichiarazione d'indipendenza dell'Austria.

L'Austria è diventata il paese democratico che puoi vedere ora. Puoi leggere ulteriori informazioni sul paese nei nostri altri articoli su chinainfoguide.info ( link sotto ).


Leggi l'Austria sul nostro sito.

INFORMAZIONI GENERALI


Curiosità sull'Austria

La storia dell'Austria è breve per i turisti

10 austriaci più famosi

Resorts of Austria. Laghi della Carinzia

Sölden Resort


IMPORTANTE PER I TURISTI


Tutto sul denaro in Austria

Cosa può essere portato dall'Austria

Come volare in Austria


TRASPORTI A VIENNA


Come arrivare dall'aeroporto di Vienna alla città

Mappa e schema della metropolitana di Vienna in russo


CUCINA NAZIONALE


Dessert austriaci - strudel di mele

Cotoletta viennese

ATTRAZIONI


Panoramica dei luoghi d'interesse dell'Austria

Memoriale per le vittime del fascismo a Vienna

Khokhostervice - il castello più inespugnabile

Casa Hundertwasser a Vienna

Municipio di Vienna

I PALAZZI PIÙ BELLI DI VIENNA


Palazzo di Schönbrunn a Vienna

Palazzo del Belvedere a Vienna

Tesoro degli Asburgo e Palazzo Hofburg

CHIESE DI VIENNA


Cattedrale di Santo Stefano a Vienna

Chiesa votiva (voto) a Vienna

TUTTO INTERESSANTE A CLAGENFURT


Klagenfurt - storia, foto, cosa vedere

Parco in miniatura Minimundus a Klagenfurt

Cattedrale di Klagenfurt

Hai una domanda?

Vuoi esprimere la tua opinione?

Vuoi aggiungere qualcosa?

Lascia un commento


Il tuo nome

Il tuo commento







Informazioni sui paesi Punti di riferimento mondiale Località turistiche SP GB FR


Tutti i diritti riservati. Feedback 2015-2018: info @ chinainfoguide.info