Questi materiali sono stati condivisi con i nostri lettori. Speriamo che ti interessino. Grazie a Irishka per aver inviato il testo.


Famiglia di aquila


Prodotti per la tua salute su Aliexpress

Dopo aver atteso qualche giorno e assicurarmi che le aquile fossero abituate alla mia costruzione, ho avuto il coraggio di iniziare a scattare. Per la massima cospirazione, in modo che gli uccelli non vedano le persone giuste, sono stato portato nel nido sul trattore. Questo tipo di trasporto che passava di solito dal nido non disturbava molto gli uccelli. Non appena sono entrato nei raschietti e installato l'ottica, la macchina si è ritirata. E il rumore cessò, e le aquile non tornarono. Un'ora dopo, i corvi gracchiarono sulla mia testa. A causa delle voci litigiose potevano indovinare che da qualche parte vicino al cimitero stava girando intorno.


Inoltre, amanti della natura e dei naturalisti, consigliamo di leggere sul nostro paese il Nepal: cosa comprare in Nepal dai souvenir , tempo di volo in Nepal e itinerari , tutto sul denaro del Nepal .


Non appena i corvi si spensero, guardai la lente e vidi l'aquila sul nido. Sbiadendo, scrutò attentamente le sedute. E in quel momento il vento improvvisamente si alzò. Sotto la sua pressione, tutto il mio rifugio cominciò a tremare e oscillare, e con esso la lente esposta dalla tenda tremava e gettava uno sguardo luminoso. Mi sentivo sul ponte di una nave in tempesta, mi sembrava che il mio tavolo traballante stesse per rovesciarmi e che avrei collassato a terra con l'ottica.

Non si addiceva all'aquila e volò via dal nido. Durante le riprese, non c'era niente a cui pensare. È diventato ovvio che gli uccelli dovrebbero essere gradualmente abituati non solo alla tenda, ma anche all'obiettivo. Pertanto, prima di partire, ho rinforzato sulla parete anteriore della tenda una bottiglia scura con un filtro leggero. Esteriormente questo dispositivo era molto simile a un teleobiettivo. Per alcuni giorni gli uccelli sono completamente abituati a lui. Ora era possibile fotografarli con calma. È vero, si è scoperto che le aquile sono insolitamente osservanti. Non appena ho iniziato a usare un teleobiettivo con il filtro rimosso, l'aquila si è trasformata in un tale panico come se la vedessi per la prima volta.

Sì, non è facile e facile sparare a grandi predatori. Non è mai possibile prevedere in anticipo ciò che può destare il loro sospetto. Ma quanto è felice quando riesci a superare tutti gli ostacoli! Seduta tranquillamente a dieci metri da me, l'aquila era una degna ricompensa per tutti i problemi. L'uccello era molto bello. Le penne affilate dell'occipite, scure al centro e luce ai bordi, davano l'impressione che fosse ricoperta di posta. Gli archi sopraccigliari che sporgevano in avanti davano un'occhiataccia allo sguardo degli occhi gialli. Né piume decorative, né colori vivaci - solo la silhouette della silhouette. Sullo sfondo del cielo azzurro, tra i rami verdi del pino, la figura dell'uccello sembrava lanciata dal bronzo. Perché queste aquile hanno un nome così minaccioso - cimitero? Forse erano soliti riposare o addirittura nidificare sui mazari: lapidi dei kazaki? Questo potrebbe essere diffuso in quei tempi lontani in cui gli uccelli non dovevano avere paura delle persone, perché non li disturbavano.

In tutta la figura in piedi sul nido dell'uccello, era visibile una grande forza. Si è sentito che davanti a me il signore delle steppe circostanti, anche se nel suo aspetto non c'è né crudeltà né vampirismo. E anche quando l'aquila vola nel cielo biancastro, i roditori e le marmotte non ne hanno paura, non odiano e spesso non prestano neppure attenzione a questo. Ma si trova in attesa di piccoli animali disattenti, dispersi, zazevavshihsya. Semplificato o pigro dalla malattia rende omaggio alle persone aspre e secche del loro signore.

La famiglia dell'aquila vita si è dispiegata davanti ai miei occhi. Se la vista dell'aquila era fissata al cielo, significava che vedeva un maschio volante. In piedi al centro del nido, lei iniziò a chiamarlo un grido silenzioso. Pochi minuti dopo, il capo della famiglia scese sul bordo del nido e consegnò alla femmina una gopher o una marmotta. A aquile il maschio porta in un nido di foraggio solo due tre volte al giorno. Ma mentre i pulcini erano piccoli, avevano bisogno di pochissima carne da saturare. La femmina, che camminava esitante da un piede all'altro, ha aspettato a lungo quando uno dei bambini ha chiesto di mangiare. E non appena i piccoli cominciarono a borbottare piano, la madre accettò prontamente di dar loro da mangiare.

In genitori così formidabili, l'alimentazione dei pulcini sembra particolarmente toccante. Un enorme uccello con la prua bassa è in piedi di fronte a una massa bianca e lanuginosa che gli tende sulla punta del becco un pezzo di carne, abbondantemente inumidito di saliva. Se un pulcino non lo prende subito, allora l'aquila attende pazientemente per un po ', senza cambiare la sua umile posa. Lei come se convinca i bambini a mangiare "una fetta per la mamma, una fetta per il papà". Il maschio ha anche trattato piccoli pulcini con una morbidezza sorprendente. Era terribilmente preoccupato se la femmina volò via dal nido. Scoprendo che i pulcini da soli, stava minacciando urlando, chiedendo il ritorno dell'aquila. Non è necessario nutrire i pulcini con la natura. Di solito lascia il cibo sul nido a disposizione della femmina. Ma con quale cura e cura pulisce i pezzi di carne che aderivano alla peluria sulla testa della ragazza!

Mentre gli aquilotti crescevano, il loro appetito aumentava. I pulcini volanti mangiavano il padre portato dal padre del gopher per una frazione di secondo. Ora passava tutto il loro tempo in attesa dell'arrivo del maschio con il cibo.

E ora sono seduto al nido dell'aquila il 20 luglio, l'ultimo giorno prima di lasciare la spedizione. L'estate è passata rapidamente. L'erba della steppa diventa gialla e scricchiola sotto i piedi. Riuniti in branchi sono i cibori, le allodole, i chiurli volano con un grido autunnale. I pulcini sono già fuggiti da Saker, Poiana, Gheppio. Anche nella pannocchia, che nidifica più tardi di tutti, i bambini crescono. Già i vecchi roditori erano ibernati, le marmotte crescevano e crescevano più saggiamente. E i pulcini del cimitero non sono ancora abbastanza forti da lasciare il nido. Hanno ancora molto tempo per aspettare, quando le ali possono sollevarli in aria. Nel frattempo, stanno costantemente gridando, chiedendo di mangiare. Ovviamente non ricevono abbastanza cibo, ma l'aquila sta ancora sorvegliando il nido e non vola a pescare.