Куда поехать отдыхать - 'chinainfoguide.info'

Palazzi della civiltà minoica dell'antica Grecia a Creta

Prima di esplorare il Palazzo di Cnosso sull'isola di Creta, dovresti imparare un po 'sull'antica civiltà minoica greca. Senza questa conoscenza, l'attrazione principale di Creta sembrerà noiosa e non interessante. Parleremo di quali funzioni hanno portato questi palazzi, e di come tutto è stato organizzato nei tempi antichi.

C'erano quattro grandi palazzi a Creta. Sono Malia, Festa, Zakro e Knossos. Quest'ultimo è molto famoso, poiché è qui che sono stati trovati i primi campioni di compresse con antica scrittura minoica. La sua vicinanza all'attuale capitale dell'isola di Heraklion lo ha reso un "successo" per i turisti.

Фото из минойского дворца Кносс на Крите

I palazzi minoici non sono simili a ciò che immaginiamo alla parola "palazzo". Vediamo subito Peterhof a San Pietroburgo o nei palazzi europei, come il Belvedere e Schönbrunn a Vienna o Versailles a Parigi.

A nostro avviso, il palazzo è una residenza elegante di un monarca o di una persona nobile. I palazzi cretesi hanno svolto molte più funzioni. Erano anche un magazzino, un laboratorio, un tempio e un luogo di residenza allo stesso tempo. In termini di funzionalità, i palazzi della civiltà minoica sono più simili alla " Città Proibita " in Cina. Tutte le loro funzioni e il layout saranno descritti in ordine.

Layout generale del palazzo

I palazzi di Creta non erano un singolo edificio, ma rappresentavano molti edifici con scopi diversi. Al centro del complesso si trovava la piazza centrale, che fungeva da sede per le cerimonie religiose.

Questa zona in tutti i palazzi ha una forma rettangolare ed è orientata lungo l'asse da nord a sud. Tutti gli edifici erano situati attorno alla piazza e avevano accesso ad essa. In molte fonti si può leggere che il palazzo era molto confuso e somigliava a un labirinto, ma se si ha familiarità con il principio generale della pianificazione, allora non perdersi.

Ваза более позднего периода - Тесей убивает минотавра

Molte polemiche sono causate dalla famosa "leggenda sul Minotauro". Secondo questa antica leggenda, Creta aveva un labirinto in cui viveva un mostro con un corpo umano e una testa di toro. In questo labirinto portato prigionieri e rinchiusi in esso, lasciando per essere mangiato da un mostro.

Alcuni ricercatori credono che esistesse un labirinto separato. Ma la versione più ragionevole ci sembra che altri popoli greci abbiano percepito il palazzo stesso come un grande labirinto. In effetti, un visitatore non preparato avrebbe potuto sembrare.

Perché il mostro poteva prendere i sacerdoti del culto di uno degli dei, che indossava un cappello speciale a forma di testa di toro durante alcune cerimonie. Tuttavia, parleremo di religione un po 'più avanti in questo articolo.

I palazzi della civiltà minoica possono sembrare molto confusi. Alcune fonti sostengono addirittura che ciò sia stato fatto specificamente per proteggere il complesso in caso di attacco. Non credere a tutto ciò che è scritto su Internet, siti discutibili. Pensa che se i re di Cnosso dovessero difendersi dagli attacchi della terra, avrebbero costruito le mura! Ma le pareti dei palazzi di Creta non lo erano.

La struttura ramificata delle transizioni tra gli edifici è stata creata sulla base delle esigenze economiche. All'interno del complesso non c'erano solo abitazioni, ma anche magazzini e officine. Modi richiesti per la consegna rapida di argilla al vasaio, olio e grano in cucina, rame al lanciatore.

Magazzino per l'intera isola di Creta

L'idea di combinare la residenza del top della società con il magazzino di tutti i più preziosi non è nuova. In Cina, nella Città Proibita o in Thailandia, il palazzo reale di Bangkok ha fatto esattamente la stessa cosa.

Огромные вазы для хранения вина и масла

La particolarità dei complessi di palazzo della civiltà minoica a Creta era che non solo l'oro, le pietre preziose e i tessuti costosi venivano immagazzinati all'interno, ma anche le riserve di cibo, gli olii e i materiali artigianali.

C'erano così tante disposizioni che un piccolo (rispetto al resto della popolazione dell'isola) abitanti di palazzi sarebbe stato sufficiente per tutta la vita e avrebbero ancora lasciato dei bambini.

Molti ricercatori suggeriscono che tali enormi forniture erano destinate non solo alla nobiltà, ma anche a tutta la popolazione dell'isola in caso di siccità o altri cataclismi. A proposito, la siccità a Creta è abbastanza frequente.

Per lo stoccaggio di grano, vino e olio, le anfore erano progettate per l'altezza umana, molti scantinati di palazzi furono assegnati per questo scopo.

Costruzioni protettive del palazzo

Non c'erano affatto strutture protettive nei palazzi. La ragione di questo è semplice. I re greci dell'era minoica non avevano semplicemente nessuno con cui difendersi. L'isola di Creta era uno stato unico con una capitale a Cnosso, non c'erano guerre civili, almeno nessuna menzione di loro.

I nemici esterni a Creta non avevano paura. L'isola era isolata dal resto del mondo e, cosa più importante, nel proteggere l'isola - non sono muri o torri, ma una forte marina. La flotta di minoici greci dal 2000 al 1500 aC era la più forte e dominata nel Mar Egeo e nel Mediterraneo.

La religione dei greci minoici e le funzioni di culto del palazzo

Изображение боя с быками - фреска из Кносса

Nel pantheon degli dei minoici greci, il luogo centrale era occupato da due divinità. I loro nomi non hanno raggiunto i nostri giorni e gli scienziati li chiamano semplicemente "dea-signore" e "dio-toro".

Durante gli scavi sono state trovate molte figure di queste divinità, immagini sulle loro ceramiche e scene di riti religiosi.

Una delle cerimonie più importanti fu la battaglia con i tori (detta anche "tavromahiya"). Non si sa esattamente cosa cercassero gli antichi greci minoici con questo rito.

La questione se i sacrifici umani siano stati portati nei palazzi di Creta rimane "aperta". Non ci sono artefatti che possano testimoniare o rifiutare questa teoria. Da un lato, la leggenda del Minotauro parla direttamente di questo, ma d'altra parte, la veridicità di questa leggenda è molto dubbia.

Come parte della nobiltà, che viveva nel palazzo, 2000 anni prima che l'era della casta dei sacerdoti cominciasse a formarsi, ma non erano indipendenti. Il re di Creta era allo stesso tempo il capo dello stato e il capo della chiesa. Nessuna immagine è stata trovata su alcun prodotto ceramico. Si presume che sia stato venerato come uno degli dei.

Approvvigionamento idrico, fognatura e ventilazione

I greci furono i primi a provvedere a questi importanti servizi comuni. Già nella prossima era della storia greca, la tecnologia andò persa e la tubatura dell'acqua apparve solo tra i romani.

Желоба канализации во дворце Кносс

I sistemi di approvvigionamento idrico e fognario erano grondaie, attraverso le quali scorreva acqua o liquami. Certo, i tubi non hanno ancora imparato a fare, ma se la civiltà minoica sarebbe durata più a lungo, chissà.

Nel palazzo c'era un sistema di ventilazione speciale, che consisteva in strutture, più precisamente chiamate i loro pozzi, e attraverso di esse l'aria arrivava ai piani inferiori. Le parti superiori degli edifici sono state ventilate naturalmente grazie alle ampie terrazze.

L'antica scrittura dell'era minoica

La lettera dell'antico greco minoico è uno degli argomenti più interessanti per la conversazione. Avevano contemporaneamente due sistemi di scrittura, ed esistevano in parallelo. Il primo geroglifico, come nel vicino Egitto, e il secondo per mezzo della registrazione di sillabe. Si chiama "lettera di fonderia A". I geroglifici si trovano su sigilli e prodotti ceramici. "Lettera Liteiny" può essere trovata su piatti speciali.

Табличка - образец литейного письма А

Dopo la scoperta delle prime tavolette, la decodifica dei simboli è durata 50 anni. Durante questo periodo, la raccolta di campioni della "lettera di fonderia A" minoica è già cresciuta. Quando la maggior parte dei personaggi è stata decifrata, è stato scoperto un fatto molto interessante.

Si scopre che tutte le tavole con le iscrizioni trovate dagli archeologi sono documenti contabili. Cioè, gli scienziati hanno scavato una delle più antiche contabilità. Le tavolette riportavano quanto grano, vino e olio venivano ricevuti o ceduti nel corso delle operazioni commerciali, a chi era stato indebitato e così via. Naturalmente, non è stato possibile ridurre l'equilibrio in quel momento, i concetti di "debito", "credito" e "carta dei conti" non esistevano ancora, ma gli antichi greci minoici hanno tenuto molto attentamente.

L'arte della civiltà minoica

La maggior parte delle opere d'arte nei palazzi di Creta morì durante gli incendi o fu saccheggiata dagli Achei che vennero qui. Ad oggi, non sono sopravvissuti molti esempi di disegni, affreschi e ceramiche.

Una caratteristica dell'arte dei greci minoici era la selettività dei soggetti. In altre culture, vediamo immagini di scene di battaglie e di caccia. L'arte della civiltà minoica prediligeva i soggetti pacifici: belle donne, rituali religiosi e scene quotidiane degli abitanti del palazzo.

Leggi l'articolo sull'escursione al Palazzo di Cnosso a Creta, in cui abbiamo raccontato cosa vale la pena vedere qui per i turisti.


Leggi la Grecia sul nostro sito

IMPORTANTE PER I TURISTI


Per quanto tempo volare in Grecia

Soldi in Grecia

Cosa portare in Grecia

Quanti soldi da portare in Grecia

Cosa portare dalla Grecia

Alcool in Grecia. Bevande e prezzi

Taxi in Grecia


STORIA DELLA GRECIA


Tutto sui palazzi minoici di Creta


CUCINA NAZIONALE


Dolci in Grecia

VEDUTE DI RODI


Monte Filerimos

Acropoli nella città di Lindos

Rodini Park nella città di Rodi

La fortezza di Rodi

Valle delle farfalle

SIGHTS OF CRETE


Palazzo di Cnosso

Isola di Elafonisi

Isola di Spinalonga

Monastero di Kera Cardiotissa

La grotta di Zeus

Hai una domanda?

Vuoi esprimere la tua opinione?

Vuoi aggiungere qualcosa?

Lascia un commento


Il tuo nome

Il tuo commento







Informazioni sul paese Attrazioni del mondo World Resorts SP IT FR IT LV GK RO TR CZ DE FI TH AR HU BG LT PT VN


Tutti i diritti riservati. Feedback 2015-2018: info@chinainfoguide.info